Codice meccanografico TOCF01600C

Non capita spesso di incontrare imprese che hanno la capacità di innovarsi ripartendo dalle competenze interne. Troppo spesso il processo di innovazione viene “appiccicato” da fuori pensando che solo un consulente esterno, magari un super esperto, possa portare a quel cambiamento che da dentro non si riesce ad attivare.
Nelle scorse settimane ho avuto la fortuna di tenere un intervento formativo all’interno di una grande orgnizzazione (la coop. CAUTO di Brescia ) che ha deciso di avviare un processo di innovazione interno attraverso un gruppo di persone che hanno un mandato specifico su progetti e innovazione. La richiesta nei miei confronti è stata particolare in quanto non ho avuto il ruolo del formatore con le risposte in mano (anche perchè di risposte ne avevo poche…) ma ho avuto il ruolo del facilitatore: la persona esterna in grado di osservare e far emergere le opportunità e le prospettive a partire dalle competenze interne.
Come dicevo all’inizio, non capita tutti i giorni di trovare organizzazioni che hanno la capacità di innovarsi, se poi decidono di farlo utilizzando le competenze presenti nelle risorse interne, rientriamo in un contesto di pochi casi. L’elemento veramente innovativo ritengo sia stata la scelta di dotarsi di un “facilitatore” e di una metodologia innovativa come quella del LEGO Serious Play.
Il mix di questi elementi ha generato due giornate di lavoro intense, dove ci siamo mossi a partire dalla caratterizzazione dell’organizzazione alle prospettive, alle sfide ed alle opportunità nel futuro…e tutto questo l’abbiamo fatto costruendo modelli LEGO, interpretandoli e confrontandoci insieme, lo abbiamo fatto elaborando una SWOT analysis e applicando il Business Model Canvas. Ovverosia, ci siamo costantemente mossi avendo come meta finale l’innovazione e lo abbiamo fatto utilizzando gli strumenti più innovativi a nostra disposizione.
Il risultato di questo lavoro sarà il punto di partenza per l’elaborazione dei prossimi passi di innovazione verso l’interno e verso l’esterno.
L’esperienza con CAUTO mi ha fatto percepire quanto sia sempre più importante, per la formazione professionale, riuscire ad essere sempre un passo avanti al tempo, ma mi ha fatto anche constatare quanto sia importante essere compagni di strada di esperienze aziendali che, in un contesto che porta sempre più a rifugiarsi in modelli passati, provano a costruire modelli di impresa nuovi che valorizzano e mettono al centro le persone.

Marco Muzzarelli

Seguici sui social: